Progetto Valbrona incontra l’Argentina

Progetto Valbrona, grazie ai “Paredi” incontra l’Argentina: tutto nasce da Guillermo Paredi che dall’Argentina, dove vive, rintraccia Mirella Paredi di Canzo alla ricerca delle proprie radici. Poco sa della sua famiglia d’origine ma è determinato a conoscere i luoghi da dove proviene, ricostruire il suo passato, visitare i luoghi dove i suoi trisavoli hanno trascorso parte della loro vita.

Progetto per Valbrona ha affiancato Mirella nel preparare una giornata di accoglienza per Guillermo facendo alcune ricerche genealogiche,  preparando un percorso che ripercorresse il “viaggio” dei Paredi fino a Valbrona e coinvolgendo i Paredi della zona.

Alpe di Monte e Prezzapino (dove abbiamo effettuato una sosta e consumato una torta tipicamente autunnale con acini di uva) hanno accolto il gruppo che ha poi fatto una sosta rigeneratrice presso l’area pic nic in località Rogorea: un buon bicchiere di vino accompagnato da ottime caldarroste ed un classico e sempre gradito pane e salame hanno cementato il gruppo, si sono rievocati ricordi legati alla parentela.

Un Guillermo emozionato ha tenuto un discorso toccante in cui ha fatto trasparire il gradimento per l’accoglienza e lo stupore per i bei posti che ha visitato. Non sono mancati canti e momenti di vera condivisione che hanno marcato una giornata speciale, un viaggio nella storia compiuto da anziani e bambini coccolati da un territorio prodigo di doni: panorami, selve, castagne e funghi. Un esempio di accoglienza orchestrato da uomo e natura che muove verso le emozioni della vita vera. Progetto Valbrona e tutti i nuovi amici ieri presenti hanno confermato che nella semplicità c’è un segreto ingrediente per conquistarsi un pezzetto di felicità.

Ecco la lettera di benvenuto con il risultato delle ricerche consegnata a Guillermo Paredi al suo arrivo a Valbrona (in Spagnolo):

Gentile Guillermo,
questo semplice comitato di benvenuto, fatto di amici e di appassionati ricercatori della storia locale, ha tentato di aggiungere alla tua profonda ed emozionante ricerca genealogica un piccolo contributo.
Siamo partiti dal bisnonno Pietro Antonio (1839) abbiamo recuperato l’atto di matrimonio del padre Carlo (1811) e attraverso il suo atto di nascita siamo giunti al nonno (padre di Carlo) anch’egli Pietro (tra l’80 e il ’90 del 1700) tutti nati e vissuti in Valbrona.
Il nostro intento voleva essere quello di dare un’origine certa al tuo primo antenato Valbronese e darti la possibilità di percorrere a tua volta, tutto o in parte, il viaggio dei tuoi avi.
Oggi ti consegniamo questo primo pezzo di un tassello che, se vorrai, potrai proseguire anche con il nostro aiuto.

Al momento, per quanto riguarda i dati sulla carta, ci fermiamo ad una data imprecisata tra 1780 e 1790 con il tuo trisnonno Pietro. Di lui abbiamo consultato l’atto di nascita registrato a Valbrona e appreso che visse a Valbrona precisamente in località Alpe di Monte un antico borgo della famiglia Roncareggi che veniva dato in gestione a mezzadri e contadini che arrivavano da fuori. I Paredi di Alpe di Monte furono tra i primi gestori di questo nucleo divenendo a pieno diritto abitanti di Valbrona ovvero facenti parte della popolazione di residenti “sparsi” sul territorio in località distanti dal vero e proprio nucleo urbanizzato.
Nel territorio di Valbrona le residenze “sparse” di cui si ha notizie certe erano Caprante, Alpe di Oneda, Rogorea e Alpe di Monte. Basandoci su questi ultimi dati inizia un viaggio che desideriamo proporti nella geografia del territorio. Le due località amene e affascinanti che sicuramente suggeriscono la provenienza e le direzioni “migratorie” dei tuoi Paredi.

Sono le “Alpi” I°, II° e III° di Canzo e la già citata Alpe di Monte (incluso il cascinale adiacente a quest’ultimo, in località Prezzapino al confine tra i comuni di Valbrona e Oliveto Lario). Vorremmo accompagnarti in tutte queste località e se possibile raccontartene la storia ma la durata del tuo soggiorno ci impone di condurti verso una sola destinazione. Abbiamo pensato al Borgo di Alpe di Monte e al cascinale di Prezzapino nel quale la gestione “Paredi” sopravvisse fino pochi anni or sono con l’amato e stimato Miro.

Partendo dalla frazione di Maisano di Valbrona ci inoltreremo lungo il versante del monte Megna che degrada verso i contrafforti e il ceppo che lo separa dall’azzurro del ramo di Lecco del Lago di Como. Saliremo oltrepassando la località Rogorea e giungeremo dopo una ventina di minuti al borgo di Alpe di Monte. Sulla strada del rientro visiteremo il cascinale di Prezzapino per poi rientrare a Maisano di Valbrona e risalire, sul versante opposto della montagna, in località Valcerina ospiti presso la cascina Ortalli/Gandini per una merenda in compagnia di molti altri Paredi.

Dalla Valcerina sarà facile raccontarti il seguito di questo viaggio nella geografia. Un seguito a cui  stiamo lavorando e che parla della probabile provenienza dei Paredi dalla località Parè in territorio di Valmadrera.
Da Parè infatti arrivano intorno al 1600 le prime notizie certe dei Paredi.
Il toponimo geografico (parè – parato – discosto – protetto – riparato ecc.) sembra condizionò il nome delle famiglie determinando le assonanze:
uomo di Parè = Paredo,
donna di Parè = Pareda,
più uomini/persone/famiglie di Parè = Paredi.
Costoro stando alle ricostruzioni storiche valicarono le montagne in direzione di Canzo ove in località III°, II° e I° Alpe si stabilirono edificando per sé stessi e occupando in funzione ad accordi di gestione gli alpeggi già esistenti. Di questi Paredi partiti dal lago emerge la caratteristica di essere uomini di monte. Si spostarono infatti inseguendo località di valico o di versante che presupponevano abilità contadine che garantissero il governo di un territorio scollegato dai centri più urbanizzati. Dalle Alpi di Canzo si mossero in molteplici direzioni e il tuo ceppo insinuatosi a Alpe di Monte scese domiciliandosi a Valbrona con il tuo bisnonno Pietro abbandonando i monti per inseguire le nuove opportunità della pianura e delle città.

La facile escursione alla scoperta del Borgo di Alpe di Monte e del Cascinale di Prezzapino rappresenta un probabile segmento del viaggio intrapreso dai tuoi avi. Vedremo, sentieri, costruzioni, selve e manufatti testimonianza antica di ciò che coloro che tra il 1700 e il 1800 incontravano e vivevano nel loro quotidiano. All’ora non esisteva l’attuale strada provinciale e la Valbrona era accessibile solo attraverso quelli che ora sono i resti di una ricca e fitta rete sentieristica locale e che un tempo furono delle vere e proprie vie di collegamento.

L’augurio è che attraverso la vista di oggi si possa ancora catturare la vita di un tempo per dare un senso attraverso le emozioni alla propria origine.

Enrica, Fausto, Francesca, Giordano, Mirella, Margherita e Paolo

IMG-20170926-WA0036IMG-20170926-WA0004IMG-20170926-WA0006IMG-20170926-WA0022IMG-20170926-WA0003 (2)IMG-20170926-WA0038IMG-20170926-WA0038 (1)IMG-20170926-WA0005 (1)IMG-20170926-WA0001 (1)IMG-20170926-WA0027 (1)IMG-20170926-WA0028 (1)IMG-20170926-WA0035

IMG-20170926-WA0018 (1)IMG-20170926-WA0017 (1)

2017-09-25-PHOTO-000002712017-09-25-PHOTO-000002442017-09-25-PHOTO-000002742017-09-25-PHOTO-000002502017-09-25-PHOTO-000002532017-09-25-PHOTO-000002552017-09-25-PHOTO-000002452017-09-25-PHOTO-000002722017-09-25-PHOTO-000002462017-09-25-PHOTO-00000252

Il tempo per organizzare tutto è stato pochissimo, soprattutto per avvisare tutti i Paredi della zona; vogliamo qui ringraziare tutti coloro che si sono prodigati insieme a noi : Fulvio Paredi, che aveva già da tempo studiato le origini dei Paredi; Don Virginio Resnati di Valbrona, Don Marco Colombo di Visino e Don Giò di Civenna,  coinvolti nelle ricerche storiche degli archivi parrocchiali .
Altre competenze si sono succedute negli sviluppi che pian piano emergevano: Anna Fiume per la traduzione in Spagnolo, Chiara Rusconi coadiuvata da Melissa Paredi per l’interpretariato, Giordano Telmon, Margherita Paredi ed il padre Florindo nella parte più squisitamente culinaria con preparazione di caldarroste e torta.

« »

I prossimi Eventi:

Escursioni insieme: l’Erta del Giubileo
ritrovo al lavatoio di via Montegrappa, Valbrona, Monte Megna, 18/11/2018 09:00
Concerto per S.Cecilia
Parrocchia SS.Apollinare e Materno - Valbrona, Osigo, 24/11/2018 18:00
Mandarino d’oro
Sala Consiliare del Comune - Via vittorio veneto, Valbrona. Osigo, 15/12/2018 21:00
Presepe vivente itinerante
Valbrona, Via San Rocco - Via San Rocco, Valbrona, 22039, 16/12/2018 15:30
Concerto di Natale
Chies SS. Apollinare e Materno - Valbrona, Osigo, 22/12/2018 21:00